copertina cibo

Cibo e colore in medicina cinese

 

Facciamo una piccola premessa per chi non conosce assolutamente la medicina cinese. Uno degli aspetti base della MTC è la Teoria dei Cinque Elementi che si fonda su un sistema di corrispondenze che partendo dall’osservazione della natura ci permette di collegare aspetti del nostro organismo anche molto lontani ed apparentemente privi di legami fra loro.

Per la medicina cinese tutti i fenomeni sono collegabili secondo la loro natura, funzione e forma a uno dei cinque elementi: legno, fuoco, terra, metallo, acqua. Questi stanno tra loro in un rapporto costruttivo : il Legno alimenta il fuoco, che bruciando, alimenta con le ceneri la terra; la terra a sua volta genera il metallo che arricchisce l’acqua. E in un rapporto distruttivo: il legno impoverisce/sfrutta la terra che a sua volta assorbe l’acqua; l’acqua spegne il fuoco in grado di fondere il metallo che a sua volta taglia il legno.

5 elementi

Le stagioni dell’anno possono essere viste attraverso la  rappresentazione astratta delle cinque diverse nature. Vediamo le corrispondenze

La primavera: LEGNO con il fiorire degli alberi e la predominanza del colore VERDE

L’estate: FUOCO con la predominanza del calore e del colore ROSSO

Fine estate: TERRA il colore dominante è il GIALLO del grano maturo

Autunno: METALLO il colore prevalente è il BIANCO

Inverno: ACQUA con assenza di luce quindi colore NERO

Anche l’organismo rientra nella classificazione dei Cinque Elementi, intesi non tanto in quanto elementi in sé ma in base alla loro natura e caratteristiche astratte. Il corpo umano rispetta la legge dei Cinque Elementi ai quali sono abbinate funzioni vitali e coppie di organi.

Al legno corrisponde nell’uomo il FEGATO, VESCICA BILIARE e la funzione locomotrice muscolare.  Al fuoco corrispondono la funzione sanguigna e la distribuzione dei nutrienti attraverso CUORE e INTESTINO TENUE. Alla terra sono collegati MILZA e STOMACO. Al metallo corrisponde nell’uomo la funzione respiratoria dei POLMONI e l’ossidazione dei rifiuti dell’INTESTINO CRASSO. Infine all’elemento acqua corrispondono i RENI e la VESCICA.

 

L’organismo umano ha ritmi in sintonia con quelli della natura così anche le coppie di organi sono abbinate alle cinque stagioni e agli elementi corrispondenti.

Questo significa che gli organi e le funzioni vitali associate sono maggiormente attivate nella stagione corrispondente  e se si trovano in una situazione di squilibrio energetico in quel periodo sono maggiormente esposti al rischio di sviluppare patologie.

Ci sono diverse tecniche che ci possono venire in aiuto per rafforzare gli organi scarichi; forse la più immediata su cui possiamo agire è l’alimentazione.

La dietetica cinese ha un ruolo importantissimo all’interno della medicina tradizionale e una cura olistica della persona non può prescindere da essa.

Tra i fattori farmaceutici che vengono riconosciuti agli alimenti c’è il colore; abbiamo già visto come ad ogni elemento sia associato un colore ed ecco che capiamo come esso possa aiutare un organo poco tonico per andare a sostenerlo.

I cibi di colore VERDE nutrono il fegato e la vescica biliare: verdure a verde, piselli, sedano, soia verde, lattuga, finocchi, carciofi, rosmarino

I cibi di colore ROSSO nutrono cuore e intestino tenue: soia rosso, pomodoro, anguria, carota, mora, mirtilli

I cibi di colore GIALLO nutrono stomaco e milza: mais, miglio, zenzero,

I cibi di colore BIANCO nutrono polmone e intestino crasso: aglio, cipolla, porro, ravanello

I cibi di colore NERO nutrono reni e vescica: cozze, soia nera, riso nero

Queste sono ovviamente indicazioni generali, si consiglia sempre di farsi seguire da una figura esperta che possa valutare quali sono gli eventuali squilibri e possa consigliarvi i cibi adeguati ai vostri bisogni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *